di Giuseppe Barbato

La storia di Salernitana-Monza si decide nel giro di un minuto: quello che passa tra la doppia occasione di Tchaouna e il gol di Daniel Maldini. In quel momento la partita finisce e il Monza si prende i tre punti, il gol di Pessina è solo il frutto dell’ennesimo scempio difensivo. Liverani mette in campo una squadra organizzata, in grado di aggredire l’avversario con le gambe che ha. Quello che manca è la testa e si è visto anche oggi. La Serie B è sempre più vicina, a maggior ragione quando manchi chance simili mentre le avversarie continuano a impantanarsi senza prospettive.

La cronaca. Il match si accende dopo soli 90 secondi: Birindelli intercetta palla sulla trequarti granata e si invola sulla destra, cross per Djuric che in mezza girata colpisce la base del palo. Sul prosieguo dell’azione Djuric si rende ancora pericoloso, stavolta di testa. Occasionissima brianzola al 6° su corner: sponda di Gagliardini, Izzo la tocca verso la porta e Ochoa sventa sulla linea. Izzo cerca il tap-in ma cicca la palla, ci prova Djuric ma viene respinto da Manolas. La Salernitana dà segni di vita al 9°: Kastanos sfiora il palo dai 30 metri. Il Monza controlla e attacca soprattutto a destra, con Birindelli. La Salernitana prova a ripartire dal lato sinistro, sviluppando su Candreva e Bradaric. Dal 15° i granata alzano il baricentro, senza però trovare conclusioni pericolose. Il Monza si abbassa e si segnala solo per un lancio di Gagliardini, su cui Colpani non arriva per centimetri.

ll momento è potenzialmente buono per la Salernitana, che recupera palla anche alto ma non trova la conclusione. Lo dimostra una ripartenza sull’asse Candreva-Weissman che non si chiude per la chiusura di Pablo Marí. Un minuto dopo, il 28°, Zanoli scende sulla destra, supera di slancio Andrea Carboni e crossa per Weissman che tira fuori in controtempo. Contatto Djuric-Pellegrino in area granata al 32°, il Monza protesta ma Fabbri lascia correre. L’asse Candreva-Kastanos è pericoloso al 35°, lancio del primo per il secondo che prende un fallo prezioso al limite dell’area. La punizione seguente, sempre con loro due, è ben indirizzata ma Gagliardini respinge in angolo. L’aggressione alta, ben imbastita da Liverani, compensa qualche errore di troppo in costruzione. Tipo quello da cui nasce il giallo per Pasalidis, che interrompe la ripartenza di Dany Mota.

Izzo prova a segnare 39° da corner: Ochoa blocca a terra. Ancora pericoloso il Monza con Gagliardini che si inserisce su un cross a rientrare di Colpani: il colpo di testa finisce fuori. È l’ultima chance del primo tempo, concluso senza recupero. Il secondo tempo inizia con Bondo che prende il posto di Colpani. La prima notizia della ripresa è il giallo a Pablo Marí: è il 48°. Nuovo colpo di testa di Izzo su angolo al 52°: Ochoa blocca anche stavolta. Azione interessante al 54° con Zanoli che si accentra, la palla arriva a Kastanos che tira: respinto in angolo. Monza pericoloso con Djuric, su cross di Valentin Carboni: sponda perfetta per Pessina, Pellegrino lo anticipa all’ultimo. Sul corner seguente altra sponda di Djuric per Gagliardini che tira a botta sicura: Memo è straordinario e salva il risultato.

Liverani si gioca il primo doppio giro di cambi: dentro Tchaouna e Boateng per Weissman e Manolas. Il Monza si rende pericoloso al 62° con un’azione insistita da sinistra: Basic chiude. Sulla ripartenza viene ammonito Izzo per un fallo su Tchaouna. Palladino risponde con altri due cambi: entrano Caldirola e Daniel Maldini per Dany Mota e Pablo Marí. Ripartenza di qualità per la Salernitana al 69°: Tchaouna parte, Candreva dribbla mezzo Monza e serve Kastanos. Il cipriota ci prova a giro, Caldirola salva in angolo. Al 72° Basic prende giallo per un intervento a gamba alta su Maldini. Nuovo giro di cambi per entrambe le squadre: il Monza sostituisce Izzo, entra Kyriakopoulos; la Salernitana toglie Kastanos e Basic per Łęgowski e Dia, quest’ultimo fischiato.

Dia lancia Tchaouna al 77° verso la porta: il francese calcia due volte e Di Gregorio si supera due volte. Sul corner seguente Zanoli stacca debolmente verso la porta, Di Gregorio blocca. Un minuto dopo passa il Monza con Daniel Maldini: scambia splendidamente con Gagliardini e con un diagonale perfetto supera Ochoa. La partita si accende con ripartenze da una parte e dall’altra ma il Monza la chiude su una situazione facile da leggere. Lancio dal fondo di Di Gregorio, sponda di Djuric per Pessina che si invola e batte Ochoa con un pallonetto perfetto. La partita non ha più niente di da dire, si segnala per gli ingressi di Simy (per Candreva) e Akpa-Akpro (per Valentin Carboni). Quest’ultimo entra con piglio e voglia di farsi vedere in attacco: è sua l’ultima chance al 94°, salva Ochoa. Finisce con la squadra in silenzio sotto la Sud.

TABELLINO

SALERNITANA (3-4-2-1): Ochoa; Pasalidis, Manolas (61° Boateng), Pellegrino; Zanoli, Basic, Coulibaly (73° Dia), Bradaric; Kastanos (73° Łęgowski), Candreva (87° Simy); Weissman (61° Tchaouna). A disposizione: Costil, Allocca, Sambia, Boateng, Gomis, Martegani, Maggiore, Vignato, Ikwuemesi. Allenatore: Liverani.

MONZA (4-2-3-1): Di Gregorio; Birindelli, Izzo (73° Kyriakopoulos), Pablo Marí (67° Caldirola), A. Carboni; Gagliardini, Pessina; Colpani (46° Bondo), V. Carboni (82° Akpa-Akpro), Dany Mota (67° Maldini); Djuric. A disposizione: Sorrentino, Gori, Donati, Machin, Colombo, Pereira, Zerbin, D’Ambrosio, Popovic
Allenatore: Palladino.

Arbitro: Fabbri. Assistenti: Perrotti-Cipriani. IV ufficiale: Minelli. VAR: Valeri-Mazzoleni

Gol: Maldini al 78°, Pessina all’83°

Ammoniti: Pasalidis al 38°, Pablo Marì al 48°, Izzo al 63°, Basic al 72°

Recupero: 0′, 4°

Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti comprese le immagini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui