Cresce sempre di più l’attesa per il ritorno in campo delle squadre italiane, si inizia con le partite di Coppa Italia poi sarà il turno del campionato. In caso di sospensione è stata definita la scelta di puntare in secondo luogo su playoff e playout, l’ultima strada è quella dell’algoritmo. Ma c’è un nodo importante da sciogliere, quello della quarantena obbligatoria per tutta la squadra in caso di un solo positivo. Ecco quanto si legge su ‘Repubblica’.

“L’ultimo avversario all’orizzonte per il calcio italiano, la quarantena obbligatoria di due settimane in caso di un positivo, potrebbe essere superato da un nuovo test. Il Comitato tecnico scientifico non allenterà il protocollo che oggi di fatto porterebbe allo stop definitivo del campionato in caso di contagio. Per questo è in corso di validazione un dispositivo per l’esame sierologico istantaneo che permetterebbe test quotidiani immediati. Accorciando i tempi dei risultati, potrebbe ridursi anche la quarantena. Inoltre, la Lega di Serie A vuol affidare i tamponi a un unico ente terzo per uniformare i risultati. Cresce la fiducia di completare il campionato sul campo, anche alla luce della curva dei contagi”.

“Se il torneo sarà interrotto, restano il piano B – con play-off e play-out – e il piano C, la classifica ponderata. L’introduzione degli spareggi è la vittoria finale di Gravina che, entro domani, comunicherà proprio la formula: più del numero di partecipanti conterà il distacco dalla vetta. Se il principio è tutelare il merito sportivo, è ragionevole ipotizzare, con la classifica attuale, che i play-off coinvolgeranno solo le prime 4 squadre con gara secca sul campo della meglio piazzata, che avrà il vantaggio di due risultati su tre. Una formula ristretta che non rimette in gioco la qualificazione alla Champions, che ai club di testa interessa più dello scudetto, per ragioni economiche. Insomma, il Napoli, sesto a 24 punti dalla Juve, non potrebbe giocarsi il titolo. Lo stesso ragionamento varrà in coda: difficile che il Brescia, con questo distacco, vada ai play-out”.

Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti comprese le immagini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui